venerdì 9 novembre 2012

LA MIA STORIA... DALLA VERGOGNA ALL'ORGOGLIO

Avevo un lavoro, avevo i miei soldini, non badavo a spese per vestiti, scarpe e cibo... AVEVO GLI OCCHI CHIUSI!!!
Quando hai la macchina nuova, quando esci di casa vestito all'ultima moda, sei sempre dal parrucchiere, riempi facilmente il frigorifero e butti via il cibo...vai al ristorante, al bar, t senti bene e non hai problemi!
Anche io ero così: abituata fin troppo bene ad avere tutto ciò che volevo senza sacrificio!!!
Sono rimasta a casa dal lavoro, mi è caduto il mondo addosso... Non facevo altro che demoralizzarmi.
Per fortuna a casa mia, parlo della famiglia di origine, qualcosa ho imparato!
Ho sempre visto la mia mamma cucinare. Le lasagne surgelate non sò nemmeno cosa siano, tanto per intenderci!
Come fare senza soldi? La spesa era il mio peggior problema!!! Non potevo spendere soldi, nemmeno per gli omogenizzati di mia figlia!
Non ho mai chiesto nulla a nessuno, insieme a mio marito ci siamo rimboccati le maniche e abbiamo fatto SUPER ECONOMIA!!!
Ero triste e... piangevo perchè non potevo dare una vita serena a mia figlia, perchè ero convinta che la vita serena fosse poterle comprare tutto ciò che avrebbe voluto. Mio marito ne è testimone, quanti pianti!
Mia figlia è stata svezzata solo per il primo mese con omogenizzati... MI MANCAVA IL CORAGGIO, AVEVO PAURA... poi ho cominciato a farle omogenizzati con verdue raccolte nell'orto dei miei genitori o frutta acquistata alle bancarelle dei contadini... di carne con il manzo acquistato dallo zio:  manzo allevato nella vecchia maniera, che non contiene schifezze E NE SONO VERAMENTE SICURA ANCHE SE NON HA CERTIFICATI CHE LO ATTESTINO!
Non ha mai avuto problemi di salute, è sempre stata più grande rispetto ai bimbi della sua età, era sveglia, pimpante e come mangiava!!!
Abbiamo comprato solo la prima tutina che le è stata messa quando era appena nata, il resto del corredino: passeggino, lettino, vestitini, coperte, fasciatoi... ci sono stati regalati: alcuni usati, altri no.. Resta di fatto che noi non potevamo permetterci di comprare nulla e mi sembrava di morire a pensare che io a mia figlia non potevo mettere vestitini scelti da me, a parte il primo!
Mi sentivo umiliata quando incontravo l'amica dell'amica di mia mamma che mi diceva di aver trovato qualcuno che aveva dei pannolini che non usava più... ma dovevo farmi coraggio ed accettarli, che vergogna provavo, sembrava che tutti sapessero che facevo fatica a campare!!!

Pensate che addirittura ero arrivata al punto di segnarmi le cose che mi avevano regalato e che erano smesse, perchè quando incontravo le persone che me le avevano date non mettevo mai questi vestiti a mia figlia per non sentirmi dire: "era quello di mia figlia"...
Ero veramente triste ed emotivamente a terra.
Poi, grazie ad internet mi si è aperto un mondo!!!
Ho cominciato ad usare lievito madre anche per fare pizze, focacce, torte salate, crackers, piadine, freselle, grissini, brioches...pasta fatta rigorosamente in casa: orecchiette, trofie, casoncelli, lasagne, lasagnette, linguine, tagliatelle, tortellini...sale aromatizzato autoprodotto, sughi autoprodotti per una bellissima scorta invernale, marmellate con frutti raccolti direttamente dall'albero, dado vegetale fatto da me...  ora non compro più nulla di queste cose... Il mio armadietto della cucina in compenso strabocca di farine di ogni tipo!!! :-)
Dovevo fare di più!!! Mi han regalato la macchina da cucire al compleanno (grazie mamma e papà!!! e grazie a Pasquale che mi ha comprato fili, forbici, aghi, spilli, metro... tutto il necessaire e me l'ha pure messo in bel cestino da cucito!!!)... Ho cominciato ad aggiustare quello che prima avrei dovuto far aggiustare, a creare ciò che prima non avrei mai potuto creare (cuscini con riso e lavanda, tovaglia di jeans con vecchi jeans rotti...) E tanto altro che mi frulla in testa!!!
Ma mi si sono aperti di più gli occhi quando ho scoperto, grazie al web, che non ero strana... che le "miserie" non le facevo solo io e che chi altro le stava facendo era stranamente più felice di me... Perchè??
Mi son guardata intorno: la mia famiglia è fortunata! Certo non abbiamo soldi che straboccano dal portafogli, ma abbiamo il pane fresco fatto in casa con il quale mangiamo tutti i giorni o quando ci và... Quando ha un paio di settimane facciamo bruschette squisite... quando ne ha tre lo usiamo per fare polpettoni o affini... NON SI BUTTA VIA NIENTE!!! :-)
Sono libera di decidere se fare io la pasta con i sughi preparati da me o se fare carne presa dalla signora che vive in cascina (e presto anche quella dello zio tornerà!!!) che costa molto meno che al supermercato e vale oro quanto pesa! Una frittata? son piena di uova, e che uova!!!
Il brodo di pollo? con la carcassa del pollo al quale ho tolto il petto, le ali e le cosce, Con i fegatini... 'na meraviglia!!! (mi scuso con chi queste cose non le mangia e non condivide il mio modo di nutrirmi, ma io ho rispetto per voi, voi abbiate rispetto per me, grazie!!)...Comunque sia, facciamoinfinite pietanze con un solo pollo, una volta ho calcolato che con un pollo abbiamo mangiato 6 volte, e noi mangiamo tanto!
Anche se non ho un'orticello tutto mio e non ho campi e terreni che mi permettano di allevare galline e altri animali, ho trovato il mio modo di avere carne di qualità a poco prezzo.
I detersivi ormai li autoproduco con il sapone che faccio e/o con altri ingredienti che sono presenti in tutte le case: aceto e bicarbonato...
Con il mio sapone ci laviamo, dopo averlo trasformato lavo il bucato, dopo aver trasfromato il detersivo per il bucato ho lo sgrassatore, e lo sgrassatore che lavoro di nuovo, ci lavo il pavimento!!! Già quà vorrei mi faceste i conti in tasca!!!
Preciso che non vado a spasso con macchie su vestiti, anzi... i miei bianchi sono veri bianchi!!!
Scambio ciò che non uso più con ciò che mi serve veramente, a volte mi concedo anche qualche sfizio!!!
Se qualcuno oggi mi vuol regalare qualcosa di smesso io lo accetto più che volentieri, perchè ho capito il valore delle cose che indosso e che utilizzo!!! E non parlo di soldi e di marche!
Mi vien da ridere a pensare a come stà crescendo mia figlia: tutte queste cose le altre mamme non le fanno, mentre per noi tre questa è routine... Spero che crescendo si senta fortunata di avere un bagaglio culturale del genere... In fondo... non lo faceva la mia mamma, ma la mia nonna sì!!!... forse la mia bis nonna, dai!!!

La strada è ancora lunga, ho ancora tantissimi segreti da imparare, tante nuove cose da scoprire e sono entusiasta, perchè tutto questo riesco a farlo a costi irrisori perchè ho trovato la strada giusta!!!
E state pur certi che se un giorno dovessi ricominciare a lavorare, la strada non la abbandono più!!!
Addirittura ho preso il coraggio di far vedere chi sono con questo blog, nato a luglio, dalle semplici parole di una persona che non conosco nemmeno, ma che ha fatto pù o meno il mio stesso cammino, seppur programmato rispetto al mio.
Ed oggi sono orgogliosa di ciò che sono e che stò diventando, anche perchè mi rendo conto che aprendomi, dicendo queste cose di me, sono stimata da persone che non avrei mai creduto!

Insomma... nel giro di qualche anno son passata da un'audi A4 ad una bicicletta, considerando che il passo non è stato fatto volontariamente ma è capitato... posso ritenermi veramente soddisfatta!!! :-)

Per essere arrivata ad essere come sono oggi devo ringraziare un pò di persone: mio marito Pasquale, che anche nei momenti di totale sconforto mi è stato vicino con pazienza e mi ha aiutata a capire mooolte cose; La mia mamma e il mio papà: il mio papà perchè mi ha dato il carattere e la testardaggine che ho, la mia mamma per avermi dato la pazienza e lo spirito della famiglia che solo una mamma può dare... Ringrazio anche mia figlia Giulia, perchè mi ha sempre dato una grandissima forza e mi ha insegnato ad essere più saggia e riflessiva!










14 commenti:

  1. Sei stata veramente brava a riscoprire le cose essenziali della vita! Complimenti!
    Io ho 5 figli e quindi capisco quello che vuol dire organizzazione familiare (compresa anche quella economica).
    Seguirò i tuoi post! ciao

    Orietta

    RispondiElimina
  2. Beh, con 5 figli ci sarai sicramente arrivata prima tu di me! :-) Grazie... :-)

    RispondiElimina
  3. La ammiro veramente, i miei più sinceri complimenti, io sono un pensionato giovane x modo di dire..., ma mi sento ancora di poter dare tanto, anche se il mondo d'oggi non ci fa più caso a queste cose è troppo impegnato a correre, non so' dove ma è cosi. Ma purtroppo penso che si stia avvicinando il periodo delle vacche magre pertanto ci sarà un ritorno all'economia nel vero senso della parola a come la fa Lei. Staremo a vedere cosa succederà. Io in casa sto iniziando a fare come fa lei. Leggerò con piacere i suoi consigli Grazie ancora.

    RispondiElimina
  4. Signor Giancarlo, questo blog nasce appunto con l'idea di far vedere a chi stà capitando in questo periodo "buio" (o per chi ci capiterà)che una soluzione c'è. La soluzione c'è sempre stata, sono le nostre nonne, bis-nonne ad avercela data, ma il consumismo ci ha reso bambole incapaci di far qualsiasi cosa.
    Acquistare sughi, condimenti, insalate imbustate, pane già confezionato....
    Per mia fortuna non son mai arrivata a questi livelli, ma consiglio vivamente di provare a far qualcosa da sè perchè il risultato sarà sicuramente molto più buono e salutare.La ringrazio :-)

    RispondiElimina
  5. Complimenti...sei un esempio di "mondo alla rovescia" ed il tuo è un VERO ESEMPIO da seguire, per tutti.
    Il ritorno all'essenziale, che è realmente invisibile agli occhi.
    Si perchè tutte le bellissime possibilità che scrivi sono davanti ai nostri occhi ma spesso non lo vediamo, quindi, GRAZIE di cuore per farcelo vedere...
    Mi auguro sia d' esempio per molte persone, anche quelle che girano ancora oggi con l'audi a, perchè è SANO!
    ..fare da mangiare con prodotti naturali e sani è la prima cosa che, oltre ad aiutare il portafogli, aiuta la salute. Poi via via, mi fai rendere conto che possiamo fare a meno di moltissime cose "superflue" che abbiamo reso "lo standard minimo" grazie al benessere.
    Ben-essere = è benessere personale, interiore..e dapprima mentale..rendersi conto, come hai fatto tu, di poter e voler stare realmente bene pensando nel modo giusto e facendo le cose giuste..BRAVA e di nuovo GRAZIE.
    Federico Villani, Mental Coach

    RispondiElimina
  6. Grazie Federico, io ci ho messo molto per capirlo, sopratutto perchè viviamo in una società in cui siamo totalemente dipendenti dal consumismo. L'essere bello e avere cose cose belle spesso risulta essere la cosa più importante e talvolta ci si perde in questo labirinto di falsità.
    Ci ho messo tanto a capirlo, osando parlo di disintossicazione, perchè non avendo la possibilità di possedere o comprare ho fatto anch'io le mie crisi, come descritto sopra. Ora invece mi sento il cuor leggero, sono felice, non ho più lo sguardo imbronciato... Tutto questo grazie al percorso cominciato qualche anno fà, pian piano, senza pretese... Iniziato con malavoglia e tristezza... Poi pian piano si è trasformato in un vortice che mi coinvolge sempre di più giorno dopo giorno... E mi rende felice di imparare cose nuove, utili alla mia famiglia, sane ed economiche... :-)
    Basta poco!!

    RispondiElimina
  7. Quando si parla di crisi penso a qualche tempo fa, quando i miei figli erano piccoli e per scelta, lavorava solo mio marito, perché volevamo crescerli come volevamo noi. Mio marito mi consegnava il suo stipendio e io cercavo di "fare quadrare il cerchio". Era faticoso arrivare alla fine del mese, però la la voglia di riuscire a farcela da soli, il piacere di cucinare piatti semplici e gustosi molto economici, fare come te pane, pizze, focacce, marmellate, dolci, cucire, prestarsi i vestiti, comprare prodotti a km zero spesso direttamente dal produttore, riciclare e non sprecare, ha insegnato ai miei figli parecchio, orientandoli verso uno stile di vita meno consumistico, dove si può vivere bene ed essere felici anche con poco. E' valsa la pena fare quella scelta, sono due persone che hanno imparato che i soldi e le apparenze hanno un valore relativo e che i veri valori sono altri.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mara, non t'immagini neanche il piacere che mi hai dato nel leggere le tue parole!
      Inizialmente non mi rendevo conto, ma ora la penso esattamente come te, spero di cuore che succeda anche a mia figlia. Grazie di cuore! :-)

      Elimina
  8. Ciao Gloria... Non ci conosciamo di persona ma siamo entrate in contatto su Facebook per puro caso. Oggi sono capitata qui sul tuo blog per curiosità di vedere come facevi la pasta madre, e ho avuto la fortuna di leggere il tuo post.
    Hai una grande forza...
    Chiara

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sei gentile Chiara, Grazie! In realtà la mia è stata pura paura all'inizio. La forza me l'hanno data mia figlia e mio marito! :-)

      Elimina
  9. LA VERITà è CHE SEI UNA DONNA ECCEZIONALE,UNA MAMMA MERAVIGLIOSA ED UN' AMICA SPECIALE..SEI UN MODELLO PER TUTTI E LA TUA BAMBINA SARà FIERA DI TE. SEI L'ESEMPIO DI CHI CADE E SI RIALZA,SEMPRE COL SORRISO IN VOLTO,PERCHè SEI UNA GUERRIERA.ED IO SONO ORGOGLIOSA DI ESSERE TUA AMICA,ANCHE E SIAMO TROPPO TROPPO LONTANE!
    TVB AMICA MIA :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. :-( Mi fai piangere Mary, Grazie!!!!!!!!!!!

      Elimina
  10. ciao gloria quello che è capitato a te un po di tempo fa a me è capitato ora e come te ho percorso la stessa strada ma mi sentivo felice anche di raccontare alle mie pseudo amiche il mio percorso autoproduttivo perchè lo vedevp come una vittoria e nn una sconfitta ma nn è stato così purtroppo spesso mi sono sentita come l'ultima dei poveracci ma pazienza io vedo la serenità della mia famiglia da quando mi occupo di loro a tempo pieno e questo vale più di tutti i soldi che possono spendere quelle cge credevo amiche i tuoi sugerimenti mi sono stati utili continuiamo così nn siamo sole un abbraccio forte a presto simonetta

    RispondiElimina
  11. Complimenti; dovremmo tutti seguirti saremmo tutti più felici.

    RispondiElimina